Museo delle Origini dell'Uomo

LA TESTA UMANA UNITA PER LA NUCA A TESTA ANIMALE NELLA SCULTURA DEL PALEOLITICO


La produzione della testa umana unita per la nuca a testa animale e'suddivisa in 4 fasi :
- da 750.000 a 400.000 anni (Acheuleano e Clactoniano antico),
- da 400.000 a 200.000 anni (Acheuleano e Clactoniano medio),
- da 200.000 a 40.000 anni (Acheuleano e Clactoniano recente, e Musteriano),
- da 40.000 a 12.000 anni (Paleolitico superiore),
La tipologia delle sculture è costituita da teste zooantropomorfe bifronti, cioè da una testa umana unita per la nuca ad una testa di animale (Fig. 9,5). Le teste non hanno il collo.
Nel Paleolitico superiore non esistono dipinti con raffigurazioni di questo tipo.
Le teste umane in ogni fase del Paleolitico raffigurano la testa degli ominidi che le hanno prodotte, anche se in alcuni periodi vi è, nella raffigurazione, deformazione stilistica dovuta alla moda del tempo.
Nel Paleolitico inferiore la testa dell'animale è costituita da mammiferi erbivori. Dal Musteriano iniziano anche le teste di felini, e nel Paleolitico superiore anche quelle di uccelli.


clikka per ingrandire l'immagine


Fig. 9,1) Scultura litica zooantropomorfa. Raffigura una testa di animale, e una umana, unite per la nuca. La testa a sinistra sembra di leone; la testa a destra sembra Homo erectus oppure un Preneanderthaliano.
Sotto le due mandibole la selce scende a punta, e trattenendo la scultura alle due estremità con due dita, la si può far roteare, e si vede meglio ogni espressione.
La scultura è lavorata su tutta la superficie.
Misure : alt. cm. 7, spessore cm. 4.
Provenienza : Pescara, Italia.
Cultura materiale : Clactoniano oppure Acheuleano, antico o medio.
Collezione Museo delle Origini dell'Uomo.


Fig. 9,2) Scultura litica zooantropomorfa. Disegno di scultura litica pubblicato da W.M NEWTON nel 1913. Newton attribuiva questa scultura a una testa di mammifero. Per noi questo disegno non è sufficiente per dare un giudizio, comunque, con la tipologia di cui siamo in possesso, interpretiamo a sinistra una testa di mammifero, e a destra una testa di ominide.
Misure : lungh. cm. 13.
Provenienza : forse Inghilterra del sud o Francia del Nord.
Cultura materiale : probabilmente Clactoniano oppure Acheuleano medio.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,3) Scultura litica zooantropomorfa. Raffigura una testa di animale (a sinistra), e una testa di ominide (a destra). La deformazione stilistica è stata definita "stile allungato orizzontale", che è unito all'abolizione, nella raffigurazione, di ogni particolare della faccia dell'ominide e del muso dell'animale.
A questa conclusione siamo giunti studiando le variazioni delle sculture antropomorfe e zooantropomorfe di tipo allungato orizzontale, di cui questa scultura ha la massima deformazione stilistica in questo senso. E' uno stile estremamente elegante.
La scultura è in pietra verde, ed ha una lieve fluitazione da rotolamento, che non è deturpante.
Misure : cm. 10.
Provenienza : vecchie alluvioni del Torrente Scrivia, Tortona, Alessandia, Italia.
Cultura materiale : Clactoniano o Acheuleano medio o recente.
Collezione Museo delle Origini dell'Uomo.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,4) Scultura zooantropomorfa bifronte. Raffigura una testa di ominide (lato A) unita per la nuca a una testa di mammifero (lato B). Lo stile è di tipo allungato orizzontale. Nonostante la deformazione stilistica, la testa dell'ominide può essere interpretata come Homo erectus o come un Preneanderthaliano.
Misure : lungh. cm.12,1;alt. cm. 6,2; largh. cm. 4,8.Peso Kg. 0,460.
Provenienza : Torre in Pietra, Roma, Italia.
Cultura materiale :Clactoniano o Acheuleano medio o recente.
Collezione Museo delle Origini dell'Uomo.
Vedi : "Una scultura litica zooantropomorfa bifronte dell'Acheuleano evoluto di Roma-Torre in Pietra interpretata attraverso la tipologia delle sculture" di P.Gaietto, in Paleolithic Art Magazine, 2001, che contiene anche sei fotografie della scultura vista da ogni lato.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,5) Scultura zooantropomorfa bifronte. Raffigura una testa di ominide (lato A) unita per la nuca a una testa di mammifero (lato B).
Misure : largh. cm. 9,2; alt. cm. 5,8; spessore cm. 5,5. Peso Kg. 0,300.
Provenienza : Rodi Garganico, Foggia, Italia.
Collezione Museo delle Origini dell'Uomo.
Un'analisi su questa scultura in 22 parti, con sei fotgrafie da ogni lato, dal titolo : "Una scultura litica zooantropomorfa bifronte dell'Acheuleano evoluto dell'Italia meridionale" di P.Gaietto è pubblicata in in Paleolithic Art Magazine, 2001.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,6) Scultura zooantropomorfa bifronte. Raffigura una testa umana (lato sinistro) unita per la nuca a una testa di mammifero (lato destro). La testa umana si può attribuire a Homo sapiens neanderthalensis, attraverso la tipologia del profilo laterale della testa, come generalmente è raffigurato in scultura.
La testa dell'animale è stata attribuita al muflone, o comunque ad un ovino o bovino con corna scendenti. Questa considerazione si basa sulla raffigurazione delle corna tra le due teste; infatti le due teste sono lavorate da ogni parte, ed è stata lasciata questa parte del nodulo di selce in rilievo, a raffigurare appunto le corna. Questo è un tipo unico, e nella tipologia del Paleolitico, la rarità, non è un pregio, ma un difetto per l'indagine.
L'animale ha sguardo rivolto verso l'alto; comunque non è da escludere che si possa trattare di un ibrido artistico uomo-animale. E' un'opera che va studiata ulteriormente.
Misure : cm. 7.
Provenienza : Rodi Garganico, Foggia, Italia.
Cultura materiale : Musteriano.
Collezione Museo delle Origini dell'Uomo.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,7) Scultura zooantropomorfa bifronte. Raffigura una testa umana (lato sinistro) unita per la nuca a una testa di uccello (lato destro).Le dimensioni della testa dell'uccello sono superiori alla realtà, in quanto sono uguali a quelle dell'uomo, che ha sua volta è raffigurato in dimensioni più piccole della realtà. Lo stile abolisce i particolari del volto umano, ma è realistico nella raffigurazione della testa dell'uccello. L'uomo sembra un Sapiens sapiens, mentre l'uccello sembra un gabbiano reale, ed ha inciso un occhio a rombo, che non si vede in fotografia, e quindi è stato tratteggiato. La testa umana nella parte opposta è piana, mentre la testa dell'uccello è lavorata frontalmente, e da ogni lato, anche sotto il becco.
Misure : lungh. cm. 30.
Provenienza : Vesima, Genova, Italia. (Vesima è una zona montana in riva al Mar Mediterraneo).
Cultura materiale : Paleolitico superiore.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,7 bis) Scultura paleolitica antropozoomorfa bifronte. Raffigura una testa umana unita per la nuca a una testa di uccello. La testa umana (a sinistra) ha uno stile artistico di tipo geometrico, mentre la testa di uccello (a destra) con grande becco Ŕ di tipo realistico. Stili diversi con soggetti differenti possono convivere in una stessa scultura . Questa scultura litica ha una composizione armoniosa. giacimento alluvionale di Karaman (Turchia), per cui Ŕ di difficile datazione, ma potrebbe collocarsi tra 60.000 e 30.000 anni. Collezione Pietro Gaietto.
Nell'indagine evoluzionistica delle religioni, questo tipo di raffigurazione fa rientrare a pieno titolo la scultura nella tradizione della CiviltÓ occidentale con scultura litica dell'uomo di Neanderthal originario dell'Europa e del Medio Oriente..
Misure : lungh. cm. 17,5.
Provenienza : giacimento alluvionale di Karaman (Turchia), per cui Ŕ di difficile datazione, ma potrebbe collocarsi tra 60.000 e 30.000 anni.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,8) Scultura zooantropomorfa bifronte. Raffigura una testa di mammifero (a sinistra) unita per la nuca a una testa umana (a destra). Il tipo umano ha fronte e mento, quindi si può attribuire a Homo sapiens sapiens. Lo stile tende all'allungamento orizzontale. La scultura è bene modellata, mentre l'occhio è ricavato da una profonda incisione che divide le due teste. La pietra è steatite.
La foto in basso è la vista laterale, mentre la foto in alto corrisponde alla vista dall'alto.
Misure : cm. 4.
Provenienza : Grotta dei Fanciulli, Balzi Rossi, Grimaldi, Imperia, Italia.
Cultura materiale : Paleolitico superiore.
Museo di Preistoria del Principato di Monaco.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,9) Scultura zooantropomorfa bifronte. Raffigura mezza testa umana (a sinistra) unita a mezza testa di felino (a destra), con sguardo frontale. E' stata scoperta in una caverna che è stata chiusa per millenni. Era di fronte ad un altare con offerte sacrificali. Questo altare è costituito da un monolito squadrato del peso di quasi 1.000 kg.,portato appositamente nella caverna. Questa caverna è il più antico "tempio" che si conosca con un "idolo", che è questa scultura. Questo monolito e la scultura testimoniano l'affinità tra i costruttori di sculture bifronti e i costruttori di menhir antropomorfi.
E' stata scoperta dal Prof. Leslie Freeman dell'Università di Chicago, e da altri archeologi spagnoli.
Misure : alt. cm. 30.
Provenienza : Caverna di El Juyo, Santander, Spagna.
Datazione assoluta : 14.000 anni.
Museo di Altamira, Spagna.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,10) Scultura zooantropomorfa bifronte. Raffigura una testa umana con corpo (a sinistra) applicata alla testa di un mammifero (a sinistra, vista anteriore). La testa del mammifero è lavorata dalle due parti; e nella vista posteriore ha una profonda incisione, che divide le due immagini.
Una figura umana simile è stata reperita a Rossiglione (Fig. 5,42).
Misure : alt. cm. 5.
Provenienza : Palo, San Pietro d'Olba, Savona, Italia.
Cultura materiale : Paleolitico superiore.
Collezione Museo delle Origini dell'Uomo.


clikka per ingrandire l'immagine

Fig. 9,11) Scultura zooantropomorfa bifronte. Raffigura una testa umana (a sinistra) unita per la nuca a una testa di animale (a destra). Lo stile è di estremo realismo, e raffigura un'espressione di sofferenza. Occhi e naso sono in rilievo, e anche i tratti della guancia, che sembra una smorfia (vista frontale A) sono ben raffigurati.
Misure: alt. cm. 7.
Provenienza : Vado ligure, Savona, Italia.
Cultura materiale : Paleolitico superiore.
Collezione Museo delle Origini dell'Uomo.




NEXT

Index

HOME PAGE


Copyright©1999-2009 by Museo delle Origini dell'Uomo, all rights reserved.