PALEOLITHIC ART MAGAZINE

ASIA



SCOPERTA IN ISRAELE LA "VENERE" PIU' ANTICA

In rete è stata a più riprese data notizia di una eccezionale scoperta di arte paleolitica. Nel sito Ten's Art in Historical Perspective si parla diffusamente della Berekhat Ram Figurine . Si tratta di una scultura antropomorfa in pietra (Venere),alta circa 20 cm., che ha un'elaborata capigliatura.E'stata reperita a Berekhat Ram, Alto Golan, al confine con la Siria.
Si sono occupati di questo reperto il Prof.Alexander Marschack, il Dott.Francesco d'Errico dell'Istituto francese di Preistoria e di Geologia del Quaternario, Talence, il Prof. April Nowell dell'Università della Pennsylvania e la Israel Prehistoric Society.
In The Independent,David Keys, corrispondente di Archeologia, riferisce l'attribuzione di questa scultura 220.000 anni, cioè 170.000 anni in più delle "Veneri" più antiche e conosciute.Nell'articolo si sostiene che è la scultura più antica del mondo.
Noi aggiungiamo che , se le date sono esatte,e quindi l'attribuzione culturale è esatta, e cioè se si tratta dell'Acheuleano (Paleolitico inferiore), questa è la scultura femminile con corpo (Venere) più antica di quelle conosciute. Comunque, c'è una riserva da tenere in considerazione, in quanto ci sono Veneri, come ad esempio la Venere di Savignano, trovate in giaciture secondarie, che potrebbero essere altrettanto antiche.
La Venere di Berekhat Ram, comunque, non è la scultura più antica del mondo,
Le sculture più antiche sono attribuite alla Pebble Culture, e l'unica che è datata a 1.700.000 anni fa è stata reperita nella Gola di Olduvai in Tanzania, e raffigura una testa umana (Leakey, M.D.: Olduvai.Gorge:Excavations in beds I & II , 1960-1963, Cambridge University Press. A phonolite cobble stone was found in Upper bed I at FLK North.)

I Fonte:testo in lingua inglese , The Berekhat Ram Figurine, con fotografia, 1999
II Fonte:testo in lingua inglese, , The Independent, senza fotografia, september 24, 2000



Index


HOME PAGE

Copyright©2000-2002 by Paleolithic Art Magazine, all rights reserved